“VENI*AMO SABOTANDO” – 2 Giorni dedicati alla Post Pornografia
Mercoledi 1 GIUGNO —-> “TASTi*AMO*LA”

…PROGRAMMA:
– H 19.00 – Apericena DeGenere  con Dj Set by KosmiKo [Chill-HOT Bar]
– H 21.00 – “Pornosotrx-Reading Attraversabile” con SLAVINA e altre ospiti [Roma/Barcelona]
– H 22.00 – DJstione Techno con Dj Set by La Boucherie & Visuals by VideoArmsIdea [Valencia/Palermo]

Giovedi 2 GIUGNO —-> ” POST-PORNI*AMO*LA”

PROGRAMMA:
– H 15.00 – “Poetiche politiche dell’osceno” seminario a cura di SLAVINA
– H 20.00 – “Esperimenti Contrasessuali” laboratorio a cura di SLAVINA & IdeaDestroyingMuros

C/O  ZetaLAB via Boito 7

COLLETTIVO MALEFIMMINE

info: malefimmine@gmail.com, malefimmine@bruttocarattere.org
*******************************************************************

Definiamo post-pornografia il discorso critico e il congiunto di pratiche discorsive, artistiche e audiovisuali che propongono una nuova rappresentazione dei generi e della sessualità. Un dispositivo di visibilizzazione che è allo stesso tempo piattaforma d’azione e di intervento e che ha la finalità (implicita o dichiarata) di contestare l’immaginario sessista e gli stereotipi di genere. Il termine post-pornografia fu inventato negli anni ’80 dall’artista olandese Wink van Kempen per descrivere un tipo di produzione audiovisuale che, pur contenendo elementi pornografici, non aveva un fine masturbatorio. Ma fu nei primi anni ’90 che una performance di Annie Sprinkle – nella quale l’artista (ex prostituta e attrice porno) invitava il pubblico a guardare all’interno della sua vagina con uno speculum – diede al termine una dimensione culturale e politica più ampia. Riducendo all’assurdo l’imperativo della pornografia tradizionale (l’esposizione parossistica del sesso femminile) The public Cervix Announcement apriva uno spazio critico non solo di comprensione ma anche di ribaltamento di un genere che da specchio fedele delle necessità normative dominanti si è andato trasformando in strumento di provocazione, guerriglia semiotica, ridefinizione dell’immaginario e delle pratiche erotiche.

Il seminario “Poetiche politiche dell’osceno” sarà dedicato alla discussione e condivisione dell’impianto teorico della post-pornografia, affronteremo i seguenti temi:
* analisi storico-critica della pornografia (dal museo al cinema a luci rosse)
* la trasformazione della pornografia in cultura di massa nel contesto degli anni ’60-’70 (la relazione tra Gola Profonda e i movimenti operai e studenteschi, i movimenti pacifisti, le manifestazioni femministe e i primi gruppi di azione omosessuale rivoluzionaria)
* femminismo abolizionista contro femminismo pro-sex
* Annie Sprinkle, la pioniera della post-pornografia tra autobiografia e Performance
* connessioni tra post-pornografia e movimento queer
* la trasgressione sessuale come strategia femminista
* net-porn: come cambiano la produzione e fruizione di materiale pornografico ai tempi del World Wide Web
* approfondimento sulla scena postporno di Barcellona: le cagne dell’apocalisse

Slavina